Mons. Luigi Negri a fianco del Comitato Valmarecchia

In riferimento all’articolo uscito su un quotidiano nazionale, in data odierna, relativa al passaggio dei sette comuni della Valmarecchia dalla Regione Marche all’Emilia-Romagna, il Vescovo di San Marino-Montefeltro, Mons. Luigi Negri ha dettato la seguente dichiarazione.
Il Vescovo di San Marino-Montefeltro denuncia il fondamentale tradimento del suo autentico pensiero che si evince leggendo l’articolo di cui sopra. Il Vescovo non ha mai detto che il Referendum “non ha valenza”, ma ha detto ben altro e l’opposto, ricordando i suoi molteplici interventi, sulla questione. Senza entrare mai nel merito politico, il Vescovo disse che il Referendum aveva un valore pragmatico e non ideologico e quindi era perfettamente inutile che formazioni ideologiche tendessero a dare del referendum una versione o totalmente positiva o totalmente negativa. Il Vescovo ha ritenuto e ritiene che il Referendum sia uno strumento che esprime, anche se in modo consultivo, la posizione di una popolazione. La frase che si legge “un popolo che si trova di fronte a problemi reali e concreti della sua vita può richiedere una diversa corrispondenza e una diversa collocazione” è certamente riportata in modo obiettivo. Il Vescovo deve deprecare il fatto che il quotidiano lo ha sottoposto, nel tempo, a due vere e proprie imboscate che hanno dato una immagine totalmente distorta della sua persona e della sua posizione. A questo punto, Mons. Negri dovrà, suo malgrado, rivedere il prosieguo della sua collaborazione con la pagina locale del quotidiano medesimo.
Pennabilli, 8 Maggio 2009
+Luigi Negri
Vescovo di San Marino-Montefeltro

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy