Mostra a San Marino sulla divinazione presso Celti, Etruschi, Italici con reperti eccezionali

Dal 7 giugno al 21 agosto sarà allestita presso il Museo di Stato della Repubblica di San Marino una mostra intitolata ‘Occhi del cielo – Celti, Etruschi, Italici e la volta celeste’ sulla divinazione presso quei popoli.
La mostra sarà poi trasferita a Viterbo dove sarà visibile dal 28 agosto al 25 ottobre. La mostra nasce, infatti, dalla collaborazione fra la Fondazione della Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino e la Sums, per la parte sammarinese, e la Fondazione della Cassa di Risparmio di Viterbo.

La mostra è stata presentata oggi a San Marino, presenti Antonio Macina, direttore del Turismo, e Anna Simoncini, direttrice del Museo, in rappresentanza rispettivamente di Antonello Bacciocchi, Segretario di Stato al Turismo, e di Francesca Michelotti, Segretario di Stato alla Pubblica Istruzione e presenti Leo Marino Morganti e Carlo Biordi, per la Fondazione sammarinese e per la Sums.
Hanno illustrato la mostra il curatore, Dario Bertuzzi, e l’architetto Massimo Bottini.
Fra i pezzi di grande rilievo

– brocca cerimoniale in legno di Brno (con ornamenti che rappresentano la ricostruzione della volta celeste) per i Celti

– statuetta in bronzo di aruspice, proveniente da Villa Giulia, e Fegato di Piacenza, modello in bronzo dell’organo ovino utilizzato per predire il futuro, per gli Etruschi

– bestiario zodiacale su vasi cerimoniali (situle) per gli Italici.

La mostra avrà una postazione interattiva su:

– il cielo degli aruspici etruschi

– le costellazioni dello zodiaco e le loro immagini.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy