Nazionale, Varrella si presenta

Il Consiglio Federale al completo, oltre naturalmente alla presenza dell’informazione sportiva locale e regionale, hanno dato il benvenuto al nuovo Commissario Tecnico della Nazionale di San Marino – Franco Varrella – in quella che da oggi, a tutti gli effetti, può dirsi la sua nuova casa in Repubblica: il San Marino Stadium.

Una scelta, quella che ci ha portato ad avviare la collaborazione con Franco Varrella, frutto di un’analisi condivisa con i nostri organismi tecnici, rilevate alcune problematiche – non esclusivamente legate alla Nazionale – nel processo formativo del nostro settore tecnico” – commenta il Presidente Marco Tura. “Siamo consapevoli – prosegue Turache legare la nostra immagine ai risultati può essere decisamente impegnativo; certo è che la recente strutturazione di competizioni internazionali – si veda la UEFA Nations League – ci impone di essere ancor più competitivi. Cosa abbiamo chiesto a Varrella? Che possa aiutarci a rivedere e dare nuovo impulso al movimento, tanto ai giocatori quanto allo settore tecnico sammarinese. Come Consiglio Federale abbiamo comunicato le nostre esigenze al Direttore Tecnico Massimo Bonini e attraverso il suo lavoro abbiamo incontrato la disponibilità di Franco Varrella a dar corpo al nostro progetto attraverso competenza, entusiasmo e preparazione che lo contraddistinguono”.

La componente emotiva ed il coinvolgimento, la capacità di essere dentro alle cose, è quanto fa pensare a Massimo Bonini – Direttore Tecnico della FSGC – che Varrella sia l’uomo giusto al posto giusto: “Ha subito mostrato passione e voglia fuori dal comune, sposando il nostro progetto; inoltre il suo curriculum, unito ad esperienze e vissuto ha allenato in Serie B ed è stato il vice di Arrigo Sacchi sulla panchina della Nazionale Italiana, ad esempio – sono lì a testimoniare le sue indubbie qualità”.

Com’è nato, però, il contatto con la Federcalcio sammarinese? “Con Massimo (Bonini, ndr) ci troviamo spesso a parlare di calcio e talvolta il discorso cade su quanto vissuto in prima persona nei miei trascorsi in Europa, attraverso la mia esperienza al Settore Tecnico della FIGC; ci siamo chiesti se fosse possibile attingere da quelli che sono i principali movimenti calcistici europei – come quello tedesco, ad esempio – per replicarne alcuni principi anche in realtà come quella sammarinese. C’è stato subito un grande feeling, ma nulla lasciava pensare – al tempo – che sarebbe poi finita così”. Il calcio del futuro a San Marino? “La volitività che dovremo e vorremo portare in campo ci deve dire che ogni giorno possiamo fare un passo in più; quello che vogliamo è esprimerci al massimo per fare sempre meglio”.

C’è forse un segno del destino nel rivedere Franco Varrella a San Marino dopo che, nel 2008, proprio qui la sua carriera da allenatore si era interrotta: “È la prima cosa che ho pensato – assicura il Commissario Tecnico -, intendo ripartire da qui, ma con basi diverse. Vorrei trasmettere un comune principio calcistico, che può essere espresso giocando in maniere diverse: quel che conta – sottolinea – è condividere medesimi principi di campo”.

Ci sarà da attendere qualche settimana ancora prima che sia formato lo staff che collaborerà col neo CT: “Fino al 30 giugno vorrei muovermi osservando – commenta Varrella –, cercando di capire anche chi vorrà lavorare con me; non sono il sergente di ferro che qualcuno ha descritto, ma certo sono uno che impegna. Ho stilato un piano per lo scouting dei giocatori, in modo da conoscere rapidamente i ragazzi. Sabato scorso sono stato ad Igea Marina per osservare i calciatori sammarinese impegnati col Pietracuta, ad esempio; si può dire che sono già dentro al sistema, ma senza frenesia. Agli allenatori sammarinesi vorrei poter trasmettere quella verve che mi è riconosciuta”.

Solo una cosa preoccupa Franco Varrella ed è il preconcetto: “Non abito troppo lontano da qui e l’eco mi è sempre giunto, detto che mio figlio poi ha giocato negli ultimi tre mesi in un club sammarinese (Faetano, ndr). A San Marino non è arrivato nessun capo dei capi, sergente di ferro o qualcuno che intenda stravolgere l’ambiente. In questi anni che mi hanno separato dalla panchina sono molto migliorato dal punto di vista dell’empatia, intendo fare bene attraverso i giocatori” – commenta il Commissario Tecnico.

Franco Varrella è legato alla Federazione Sammarinese Giuoco Calcio da un contratto biennale, conferma il Presidente Marco Tura, che non scende nei dettagli dell’ingaggio: “L’aspetto economico non è certo insignificante e come Consiglio Federale lo abbiamo tenuto in considerazione, come il fatto che – grossomodo – l’esborso comportato dallo staff precedente sarà quello del prossimo. Il tutto senza dimenticarci – conclude Tura – che parte dell’investimento sul Professor Varrella non è legato ai meri risultati di campo, ma anche alla ricostruzione del settore tecnico”.

Il CT Varrella sarà al seguito di Presidente, Segretario Generale e Direttore Generale a Losanna, in occasione dei sorteggi di UEFA Nations League, previsti per mercoledì prossimo. Il successivo appuntamento in agenda è fissato per lunedì 29 gennaio, quando incontrerà i Presidenti dei club sammarinesi: “Chiederò loro disponibilità e se le soddisfazioni che la Nazionale di San Marino potrebbe ritagliarsi possano dirsi anche loro”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy