Non è pervenuta a San Marino, da Roma, alcuna ‘nota tecnica’

Non è pervenuta a San Marino, da Roma, alcuna ‘nota tecnica’

La notizia diffusasi a San Marino secondo cui nella giornata di ieri sarebbe arrivata al Segretario di Stato alle Finanze, Pasquale Valentini,

‘nota tecnica’, dal ministero dell’Economia italiano, è destituita di ogni fondamento.

Lo ha detto lo stesso Segretario di Stato Valentini nella conferenza stampa tenuta oggi a nome del governo unitamente ad Antonella Mularoni, Segretario di Stato per gli Affari Esteri.

Da parte del governo sammarinese prosegue la messa a punto di una risposta alla lettera del ministro italiano dell’Economia Giulio Tremonti, attraverso la quale, fra l’altro, è stato chiesto a San Marino l’accettazione dello scambio automatico delle informazioni (modello europeo) nel settore finanziario pena la permanenza nella black list di cui al decreto ‘incentivi’ .

Il governo di San Marino non rigetta a priori la suddetta richiesta ma intende trattarne modalità di applicazione e tempi di attuazione. E comunque intende inquadrarla nella trattativa generale sulla globalità dei rapporti fra i due Stati. In particolare chiede di collegarla alla firma delle
modifiche all’accordo contro le doppie imposizioni secondo il più recente standard Ocse, già parafato il 25 giugno 2009.
Detta firma farebbe entrare in vigore l’accordo di cooperazione economica firmato il 31 marzo 2009 (come da dichiarazione congiunta) ed anche l’accordo di collaborazione finanziaria firmato il 26 novembre 2009.

Vedi comunicato Ufficio stampa, Congresso di Stato

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy