San Marino. La politica è tornata. Finalmente. I poteri forti sulla difensiva

SAN MARINO. Si intravede la luce in fondo al tunnel. C’è speranza che il Paese possa ripartire. I provvedimenti licenziati  dal Consiglio Grande e Generale   il 19 dicembre  riporteranno ordine e trasparenza nel settore finanziario, il più vessato dal gruppo criminale  che ha imperversato nel Paese negli ultimi vent’anni.

Da notare che detti provvedimenti sono stati messi a punto dalla ex maggioranza San Marino bene comune il 18 novembre  e  fatti propri dalla nuova maggioranza scaturita dalle elezioni, Adesso.sm ed approvati a distanza di un solo mese.

I provvedimenti   

 

 

Al di là  daranno un colpo mortale varando la legge di bilancio 2017m  sono di una rilevanza assoluta per la Repubblica.  Stanno riportando la fiducia fra la gente. Hanno creato le premesse per dare un colpo mortale al  gruppo criminale che con la collaterale assistenza di Banca Centrale ha portato  il Paese  nel precipizio. 

Tutto il mondo politico è rimasto scioccato  quando sono finiti in carcere pezzi da novanta  come  GattiPodeschi  e  Stolfi,   e sono stati  rinviati a giudizio  ex Capitani Reggenti, ex Segretari di Stato ed una serie di  professionisti.  

Ora finalmente la prima vera presa di posizione della politica:  pieno sostegno, di fatto, ai giudici e  manifesta dichiarazione di fiducia nei nuovi vertici di  Banca Centrale.

Tutta la politica di fatto è d’accordo.  Detti provvedimenti   sono stati varati  in un clima di sostanziale unanimità,

Indipendentemente dalle scaramucce verbali e dai tecnicismi  parlamentari,   va colto il. Sono stati materialmente elaborati dalla ex maggioranza San Marino bene comune  il 18 novembre sono diventati legge dello Stato  per volontà della nuova maggioranza Adesso.sm il 19 dicembre. 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy