San Marino. Assolte in appello, chiedono indietro il denaro del padre

Antonio Fabbri – L’informazione di San MarinoLe sorelle Balsamo, assolte in appello, chiedono indietro il denaro di papà tramite la Revisione

SAN MARINO. Le sorelle Valentina e Angela Balsamo, che in primo grado erano state condannate a due anni e mezzo e a un anno, erano poi state assolte in appello dal giudice David Brunelli, per insufficienza di prove, anche qui, in ordine al dolo. Il Giudice Brunelli, tuttavia, aveva confermato, riconoscendone la provenienza illecita, la confisca dei denari per una somma pari a 2.150.000 euro. 

Ma anche questo aspetto, adesso, potrebbe essere “revisionato” e i denari confiscati uscire dalle casse dell’erario dove erano stati incamerati. Secondo le ricostruzioni del processo quei soldi sono il frutto dei reati commessi dal padre, Cosimo Balsamo, che ha precedenti per colossali furti di metalli pregiati, in particolare rame, ricavando fortune che, secondo le carte giudiziarie, sono state accumulate grazie alla ricettazione di questi materiali. Pur riconoscendo dunque la provenienza illecita del denaro, il giudice Brunelli ha riformato la sentenza di primo grado assolvendo le sorelle che movimentavano i soldi del padre a San Marino. Brunelli aveva confermato la confisca che, però, vista l’assoluzione, viene adesso messa in discussione. Infatti le sorelle Balsamo tramite i propri avvocati, Lara Conti e Federico Fabbri Ercolani, hanno presentato istanza di revisione del processo. Richiesta che il Giudice per i rimedi straordinari, Vitaliano Esposito, ha valutato “non inammissibile” ed ha fissato per il prossimo 20 marzo l’udienza pubblica per la discussione dell’Istanza di revisione del processo. (…)

Leggi l’intero articolo di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 23

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy