San Marino. Dario Manzaroli: “Troppa politica nelle nomine della sanità”

Monica Raschi – Il Resto del Carlino: «Troppa politica nelle nomine della sanità»

SAN MARINO. Se ne va dopo una lunghissima carriera nella sanità Dario Manzaroli dopo aver ricoperto, negli ultimi anni, il difficile e complesso compito di direttore sanitario. Al suo posto un altro professionista il cui nome verrà deciso in questi giorni, termina oggi, infatti, la due giorni di colloqui per individuare i due nuovi vertici della sanità sammarinese (il direttore sanitario e quello amministrativo). (…)

«Per quanto riguarda i meccanismi di nomina del comitato esecutivo, esso porta in sé il peccato originale di un matrimonio fra politica e incarichi tecnici che spesso incide negativamente sull’autonomia dell’ente pur riconosciuta dalla legge: io sono stato indicato dalla Democrazia Cristiana , la dottoressa Caruso è stata indicata dal Pds, il dottor Francini dalle altre forze della precedente maggioranza», afferma Manzaroli.  Che non manca di sottolineare il suo rapporto con i colleghi al vertice: «Ho potuto contare su un’ottima e competente collaborazione con entrambi i direttori amministrativi (Venturini e Francini) e con il direttore generale Pasini, mentre con la dottoressa Caruso il rapporto è stato più difficoltoso specie nell’ultimo anno, con una divergenza netta sull’applicazione della riorganizzazione della medicina di base; sul rapporto con la politica e le distanze minime da mantenere per salvaguardare l’autonomia dell’ente. Su alcuni episodi tipo il rinnovo dell’incarico di direttore di Pediatria, o la querelle contro l’Ostetricia e l’associazione medica , la defenestrazione immotivata del coordinatore delle professioni sanitarie non mediche. Riconosco comunque, al di la dei contrasti – dichiara – il grande valore professionale della dottoressa Caruso».

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy