San Marino. Gravissimo lo stato della liquidità. Simone Celli, Finanze, ieri sera a Domagnano

SAN MARINO. Ieri sera a Domagnano, in una sala affollatissima, il segretario di Stato alle Finanze, Simone Celli, ha parlato dello stato dei conti pubblici, come preannunciato in una conferenza stampa del Congresso di Stato.

Fra i dati più significativi:
debito pubblico: ammonterebbe a 320 milioni, contro 350 spesso paventati;
liquidità: a gennaio in cassa c’erano 25 milioni circa; previsto un calo nei prossimi mesi fino all’ ‘azzeramento’ o quasi  a giugno con tutti i rischi del caso.

Previsto il reperimento di risorse (prestiti)  all’esterno di San Marino per superare l’emergenza liquidità.

Nessun accenno all’attualità. Ad esempio al commissariamento di Asset Banca di cui si è avuto notizia ieri pomeriggio e nemmeno allo scudo fiscale sammarinese annunciato nei giorni scorsi da Stefano Ercolani di Asset Banca. 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy