San Marino. Commissariamento di Asset: bocciato il comma d’urgenza

L’informazione di San MarinoCommissariamento di Asset / Bocciato il comma d’urgenza

SAN MARINO. Il commissariamento di Asset Banca apre la discussione in Comma Comunicazione. E scalda il Consiglio La richiesta di inserire un Comma d’urgenza per dibattere “su un provvedimento che – sottolinea Alessandro Cardelli del Pdcs – può destare preoccupazioni nella cittadinanza” non viene però accolto. La maggioranza, infatti, non ritiene che l’Aula debba intervenire su un provvedimento di un organo di vigilanza “che – spiega Giuseppe Morganti, Ssd– si muove in base ad un’autonomia che la politica è tenuta a rispettare”. Si va al voto e, a maggioranza il Comma viene bocciato. Non passa il Comma ma la bocciatura non ferma il dibattito. Sottolinea Marco Gatti, Pdcs: “La richiesta di un dibattito segreto, è una responsabilità che dovrebbe avere in primis il governo, poi l’intera classe politica. Quello che oggi può essere un problema privato, si riflette sul pubblico. Credo che Bcsm un riferimento in ambito Ccr e del congresso di Stato lo abbia fatto. Ho appreso dai giornali della nomina di un commissario. Infine, abbiamo un amico di San Marino, un certo Mario Gerevini, che ci annuncia quello che succedera’. Ci dice che al termine Aqr avremo esigenza di capitali. Prendiamone atto, il ricorso dei prestiti esteri è una via obbligata. Ne parleremo”. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy