San Marino. Vittorio Sgarbi porta in scena Caravaggio

SAN MARINO. Viaggio dentro la vita e le opere di Michelangelo Merisi, detto ‘Caravaggio’: domenica 26 febbraio 2017 presso il Teatro Nuovo di Dogana, con inizio alle ore 21.00, sarà Vittorio Sgarbi a condurre il pubblico, mano nella mano, nella conoscenza di questo grande e rivoluzionario artista.

Comunicato stampa

Domenica 26 febbraio (ore 21) in scena al Teatro Nuovo di Dogana, Vittorio Sgarbi con “Caravaggio”.
Sgarbi ci condurrà, attraverso la vita e la pittura rivoluzionaria di Michelangelo Merisi, in uno spettacolo teatrale arricchito dalla musica di Valentino Corvino, e dalle immagini delle opere più rappresentative del pittore lombardo curate dal visual artist Tommaso Arosio, per la regia di Angelo Generali.
L’avvincente spettacolo è un’affabulazione magistrale, nella tipica modalità di Sgarbi, intorno al genio tempestoso di Carvaggio, che con la formula della lectio magistralis monografica, nella sua essenzialità, colpisce e rapisce  il pubblico.
Fin dall’inizio gli spettatori si lasciano trasportare dal racconto e si immergono con entusiasmo in un’atmosfera solenne. Sgarbi va a ruota libera, senza schema fisso, ripercorrendo la vita di Caravaggio attraverso l’interpretazione delle sue opere. Una vita sregolata, fatta di eccessi e contrasti, così come la sua arte, che carica di significati allusivi. Rimanendo sempre fedele al vero e alla sua cruda raffigurazione, ne esplora tutta la potenza drammatica e la forza narrativa, rappresentando un punto di rottura rispetto al manierismo figurativo che lo aveva preceduto.
“Caravaggio è doppiamente contemporaneo.” Afferma Sgarbi” È contemporaneo perché c’è, perché viviamo contemporaneamente alle sue opere che continuano a vivere; ed è contemporaneo perché la sensibilità del nostro tempo gli ha restituito tutti i significati e l’importanza della sua opera. Non sono stati il Settecento o l’Ottocento a capire Caravaggio, ma il nostro Novecento. Caravaggio viene riscoperto in un’epoca fortemente improntata ai valori della realtà, del popolo, della lotta di classe. Ogni secolo sceglie i propri artisti. E questo garantisce un’attualizzazione, un’interpretazione di artisti che non sono più del Quattrocento, del Cinquecento e del Seicento ma appartengono al tempo che li capisce, che li interpreta, che li sente contemporanei. Tra questi, nessuno è più vicino a noi, alle nostre paure, ai nostri stupori, alle nostre emozioni, di quanto non sia Caravaggio.”

I biglietti per lo spettacolo sono acquistabili sul sito www.sanmarinoteatro.sm oppure, da lunedì venerdì 24 febbraio, presso la biglietteria del Teatro Nuovo dalle 17.00 alle 20.00.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy