San Marino. Banche, Nicola Renzi: “La trasparenza ci è costata 7 miliardi”

Il Resto del Carlino: «Banche, la  trasparenza ci è costata 7 milioni»Il segretario spiega alla stampa estera il conto della rinuncia al segreto

SAN MARINO. Il rapporto con l’Unione Europea, con l’Italia, aborto e unioni civili, ma soprattutto banche. Di questo e di tanto altro ieri il segretario di Stato agli Esteri Nicola Renzi, ha parlato a Roma nel corso di una conferenza stampa (moderata dal direttore di San Marino Rtv Carlo Romeo) nella sede dell’associazione della stampa estera. «Prima del 2008 – ha spiegato il ministro sammarinese – nelle banche sammarinesi c’erano 14 miliardi di depositi. Oggi, dopo il percorso di trasparenza intrapreso ne sono usciti 7». La rinuncia al segreto bancario «è costato parecchio ma il paese ha retto, il paese è solido – ha detto – e oggi siamo impegnati nel creare nuovi asset di sviluppo». Il discorso poi è ‘caduto’ su quei crediti deteriorati dei quali si parla da tanto anche in Repubblica. «Noi abbiamo voluto fare una valutazione degli Npl e quindi del settore bancario e finanziario – ha spiegato Renzi – secondo i migliori standard internazionali: avremo le risposte credo tra un mese e a giugno ci sarà l’avvio e lo sviluppo delle proposte concrete che faremo per rilanciare l’intero settore».  Sala piena e tante domande da parte dei giornalisti della stampa estera. Insomma il piccolo Stato del Titano fa ancora notizia, pur avendo abbandonato definitivamente il segreto bancario. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy