Rimini. Schianto in Via Destra del Porto: dopo 5 giorni di agonia si è spento il barista

Manuel Spadazzi – Il Resto del Carlino:  Schianto nella curva maledetta, muore il barista dopo 5 giorni di agonia / Chiude il locale dove lavorava: ‘Riccardo ci manca troppo…’

RIMINI. ‘Siamo distrutti dal dolore. Per noi è come se fosse morto un fratello’. Non ce l’ha fatto Riccardo Bracciale. Il barista riminese, che lavorava a Il Giardino, è morto dopo cinque giorni di agonia al ‘Bufalini’ di Cesena, dove era ricoverato dal tremendo incidente di venerdì notte. Bracciale si è spento ieri mattina in ospedale a 33 anni: lascia la mamma e il fratello. E lascia i tantissimi amici e colleghi della movida riminese, di cui Riccardo è stato per anni un protagonista.(…)
Ma Bracciale, soprannominato dagli amici ‘Pinguino’, aveva lavorato in molti altri locali di Rimini. Era stato anche al Newport e in vari locali del centro storico. Poi aveva deciso di trascorrere due anni in Australia, per tornare quest’estate a lavorare a Il Giardino. E tornava a casa dopo il turno al locale, venerdì notte, quando si è schiantato con uno scooter Yamaha T-Max (gliel’aveva prestato un amico) in via Destra del porto, nella stessa curva che l’anno scorso era stata fatale a Tetyana Stakhiv. La stanchezza e forse la velocità, oltre alla pericolosità di quella curva, sono stati fatali anche per Bracciale. Fin dal ricovero all’ospedale ‘Bufalini’ si è capito che le sue condizioni erano gravissime. I familiari e gli amici hanno vegliato su di lui tutti i giorni, sperando si riprendesse. Ma non c’è stato niente da fare: Riccardo è morto ieri mattina. E lo staff de Il Giardino, che si era preso una pausa per stargli accanto, ha deciso: ‘Per noi la stagione finisce qui’. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy