San Marino. “Non l’ho tamponato, lui è sbucato all’improvviso”

Il Resto del Carlino : «Non l’ho tamponato, lui è sbucato all’improvviso» / La versione del sammarinese indagato per omicidio stradale

SAN MARINO. LA PRIMA cosa che ha chiesto alla Polizia stradale, è chi era la vittima e se aveva una famiglia e dei figli. Si è presentato ieri mattina in caserma, accompagnato dal padre e dal suo difensore, Stefano Caroli, il 35enne sammarinese che ha tamponato l’auto su cui viaggiava Pierluigi Campana, morto in ospedale poche ore dopo lo schianto. I RISULTATI definitivi della analisi del sangue a cui il giovane è stato sottoposto subito dopo l’incidente non sono ancora pronte, ma dai primi accertamenti è risultato che il sammarinese aveva nel sangue un tasso alcolemico di 1,20 e tracce di cocaina. Lui ha insistito sul fatto di essere stato lucido al momento dello schianto, era uscito a cena con il fratello e due amici e avevano bevuto una bottiglia in quattro (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy