San Marino. Consulta per l’Informazione: dimissioni del direttivo

SAN MARINO. Il consiglio direttivo della Consulta per l’Informazione, al termine dell’Asseblea di ieri, ha comunicato le proprie dimissioni al fine di anticipare le elezioni del nuovo organismo esecutivo degli operatori dell’informazione. Durante i lavori dell’assemblea la Consulta ha confermato la bocciatura degli emendamenti al Codice Deontologico votati ed approvati lo scorso luglio dal Consiglio Grande e Generale, comfermando inoltre la volontà di informare l’Ordine dei Giornalisti italiano, nonché il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, di quella che i giornalisti reputano “un’ingerenza indebita della politica nella sfera del diritto fondamentale della libertà di espressione”.

 

Ieri il Consiglio Direttivo della Consulta per l’Informazione ha convocato l’Assemblea degli operatori dell’informazione sammarinese, peraltro scarsamente partecipata. Affrontando l’ordine del giorno, il Direttivo ha preso atto della mancata presenttazione di nominativi in sostituzione della dimissionaria Bianca Maria Toccagni, già membro dell’Autorità Garante in rappresentanza di testate giornalistiche cartacee. Il periodo per sottoporre le candidature – riservata a testate regolarmente iscritte al Registro delle Testate Giornalistiche presso l’Autorità Garante per l’Informazione – è prorogato fino alla prossima Assemblea.
La Consulta ha in seguito confermato la bocciatura degli emendamenti al Codice Deontologico votati ed approvati lo scorso luglio dal Consiglio Grande e Generale, esprimendo la volontà di ripristinare il testo originale – votato dai giornalisti della Repubblica di San Marino e condiviso nei principi e nella portata – che verrà ripresentato all’attenzione della Segreteria di Stato competente.

Leggi comunicato

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy