Uefa Nations League, ecco le rivali di San Marino

SAN MARINO. Moldavia, Bielorussia e Lussemburgo. Saranno queste le rivali del San Marino nel girone D2 della Uefa Nations League. 

[C.S.] Saranno Moldavia, Bielorussia e Lussemburgo le rivali di San Marino nel Girone D2 della Uefa Nations League, la nuova manifestazione continentale che prenderà il via a partire dal prossimo settembre e che sostituirà in gran parte le amichevoli internazionali.

Lo hanno stabilito i sorteggi tenutisi quest’oggi  a Losanna, Svizzera. La Nazionale del neo C.T. Franco Varrella dovrà vedersela con formazioni che al momento, nel ranking Uefa, occupano la posizione numero 42 (Bielorussia, coefficiente: 16.858), 47 (Lussemburgo, coefficiente: 14.231) e 49 (Moldavia, coefficiente: 13.130). Quanto a San Marino, attualmente si trova al 54° posto della classifica continentale.

Il nostro Paese era inserito nella quarta fascia della Lega D, quella dedicata alle Nazionali dalla caratura internazionale minore. Per quel che riguarda le altre tre fasce della Lega, la Bielorussia faceva parte della prima, il Lussemburgo della seconda e la Moldavia della terza.

Poteva andare meglio per i nostri colori? Oppure peggio?. Il C.T. Varrella preferisce spostare il focus sulle opportunità che questa nuova avventura internazionale offre: “Non avendo la percezione razionale delle loro forze, non c’è un meglio o un peggio. Però c’è la soddisfazione dettata dal fatto di poter raggiungere queste destinazioni e giocare contro queste Nazionali. Bielorussia, Moldavia e Lussemburgo rappresentano un quadro soddisfacente per svolgere questa prima attività di preparazione agli Europei del 2020. Quindi siamo contenti.”

Per le dimensioni territoriali e demografiche (si tratta, come nel caso di San Marino, di un Piccolo Stato d’Europa), il Lussemburgo è la realtà che più si avvicina alla nostra. Ma le differenze a livello calcistico sono sensibili. “Non sarà semplice affrontarli” – il commento di Varrella – “Però, come ho già avuto modo di dire, il nostro obiettivo primario è quello di cercare di ridurre il gap che c’è fra noi e queste formazioni. Ma la cosa più importante è questa: da adesso in avanti vogliamo far sì che chi gioca contro San Marino, a fine partita, debba dire di aver sudato le classiche sette camicie.”

Il Lussemburgo ha chiuso le recenti qualificazioni ai Mondiali al penultimo posto del Girone A, quello che ha qualificato la Francia come prima (e la Svezia come seconda dopo aver superato gli spareggi, come sa bene l’Italia) e di cui faceva parte anche la Bielorussia, che è arrivata ultima. Con queste due Nazionali San Marino non ha alcun precedente. Ne ha però con la Moldavia: cinque i confronti fra la nostra Nazionale e quella est europea. Il primo dei quali – un’amichevole datata 26 aprile 2000 – terminato con un risicato 1-0 in favore dei moldavi.

È possibile che  questo precedente suggerirà ai nostri prossimi avversari di affrontare il doppio impegno con San Marino usando particolare prudenza. “Dal punto di vista di chi ha a che fare con noi” – il pensiero del C.T. – “affrontare San Marino a volte può essere un gioco da ragazzi. Ma noi non possiamo preoccuparci di come loro vivano la situazione calcistica nei nostri confronti. Noi dobbiamo sapere che abbiamo un percorso da intraprendere e che lo vogliamo praticare nel migliore dei modi. Il nostro vero obiettivo è avvicinarci quanto più possibile ad un’idea di calcio che evidenzi questo cambiamento di mentalità: ci può essere anche un dilettantismo fatto in maniera  professionale.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy