San Marino. Bilancio, i partiti di opposizione chiedono chiarimenti

SAN MARINO. I partiti di opposizione hanno depositato un’interpellanza per chiedere al Governo chiarimenti in merito al bilancio dello Stato e, più precisamente, come il Congresso di Stato intenda riportare in bilancio i 480 milioni di garanzia per la copertura finanziaria dei debiti di Cassa di Risparmio, ‘poste chiaramente omesse in sede di presentazione e approvazione dello stesso’ e se il Congresso di Stato ‘intenda procedere per individurare responsabilità individuali o collettive per le suddette omissioni’.

Premesso che:
in data 29 dicembre 2017, il Congresso di Stato, con Delibera n. 127, dava mandato alla Direzione della Finanza Pubblica e alla Contabilità di Stato di annotare negli allegati al conto del patrimonio, nei conti d’ordine e nel bilancio economico patrimoniale dello Stato per l’esercizio finanziario 2017, l’importo di euro 480 milioni, in ragione della propria precedente Delibera n.1 del 9 ottobre 2017, la quale ratificava integralmente l’operato del Sindaco di Governo e del Segretario di Stato per le Finanze e il Bilancio i quali, in rappresentanza dell’Ecc.ma Camera della Repubblica di San Marino, intervenivano all’assemblea degli Azionisti della Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino S.p.A., del 2 ottobre 2017;
in tale assemblea si deliberava di confermare il rilascio da parte dell’Ecc.ma Camera di idonea garanzia per l’importo di euro 480 milioni, nell’interesse di Cassa di Risparmio, per la copertura delle rilevazioni contabili ex articolo 5ter del Decreto – Legge n. 93/2017, così come modificato dall’articolo 1 del Decreto – Legge n. 101/2017, e autorizzate dal Comitato per il Credito e il Risparmio in data 7 settembre 2017, inserite alla “voce 120” del Progetto di bilancio 2016;

Leggi l’intero testo dell’interpellanza

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy