San Marino. Il Pd al Titano: «Cittadinanza più veloce agli stranieri»

Corriere RomagnaIl Pd al Titano: «Cittadinanza più veloce agli stranieri»

SAN MARINO. Passa in commissione Affari generali e istituzionali dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna (sì del Pd, no della Lega, M5s astenuto) una risoluzione Dem di sostegno a due progetti di legge di iniziativa popolare presentati dal Comites (Comitato italiani residenti a San Marino) per abbassare gli anni di residenza per ottenere la cittadinanza, la naturalizzazione dei coniugi stranieri e la possibilità di ottenere anche la doppia cittadinanza. Il testo impegna la giunta a chiedere al Consiglio Grande e Generale di esaminare le proposte. L’iniziativa popolare del Comites prevede un abbassamento degli anni di residenza necessari per l’ottenimento della cittadinanza da 25 a 15 anni e da 15 a 10 per la naturalizzazione dei coniugi stranieri e la possibilità di mantenere la doppia cittadinanza. In più, i due progetti di legge chiedono l’estensione dell’elettorato attivo e passivo agli stranieri residenti a San Marino da almeno cinque anni. 

«Ricordiamoci che parliamo sempre di uno stato sovrano», ha detto Stefano Bargi (Lega) nel motivare il voto contrario del Carroccio. «Caldeggiamo questo atto politico che non aprirà nessun incidente diplomatico ma è doveroso per esprimere la vicinanza degli emiliano   romagnoli ai nostri conterranei», ha replicato Giorgio Pruccoli (Pd).

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy