San Marino. “Strapotere governativo e ruoli su misura… sai che sviluppo!”

SAN MARINO. “Idee valide quali lo Sportello Unico e l’Agenzia di Sviluppo di fatto siano state tradotte in provvedimenti autoreferenziali e sterili, che ripetono dinamiche distorsive che in questi anni hanno ostacolato la creazione di uno sviluppo sano dell’economia del paese”. Inizia così un comunicato a firma dei gruppi Rete – Mdsi sul tema dello sviluppo del Paese.

Proiettati verso un futuro in cui sognano il loro predominio infinito, i governanti di Adesso.sm continuano la loro opera di accentramento del potere e di colonizzazione delle posizioni. Il decreto con cui nasce l’Agenzia di Sviluppo-Camera di Commercio ne è la dimostrazione lampante. Invece di rendere Camera di Commercio finalmente autonoma dalla politica, come avrebbe sempre dovuto essere, la si lega a doppio filo ai capricci del governo che vuole deciderne finanziamenti e indirizzi nonostante Camera di Commercio non rappresenti né lo Stato, né la politica ma – nei paesi normali – rappresenti il sistema delle imprese, l’economia reale. È superfluo sottolineare quanto le logiche che guidano lo Stato siano lontane anni luce dalle necessità di speditezza, sburocratizzazione, dinamismo degli operatori economici. Non è un caso se, al di fuori dei nostri confini, le Camere di Commercio siano enti ad autonomia funzionale con Consigli formati da rappresentanti dei vari settori dell’economia inclusi i liberi professionisti, e che si finanziano attraverso le iscrizioni e i servizi erogati. Niente contributo dello Stato, niente rappresentanti del mondo della politica.

Leggi l’intervento. 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy