San Marino. Presidenza di Banca Centrale, riprende lo scontro in Aula

L’infomazione di San Marino: Opposizione: “Fatti gravi, rinviare la nomina” / Maggioranza: “Ridicolo, è ora di accelerare

SAN MARINO. Dopo i fulmini notturni, il clima del Consiglio si rasserena. Ma solo nei toni. Perché gli argomenti trattati restano forti e scateno polemiche. Soprattutto quando all’Ordine del giorno arrivano le dimissioni del presidente di Banca centrale Grais con relativa sostituzione. A fare da sponda alle critiche dell’opposizione la pubblicazione a puntate da parte di un blog che da tempo si presenta come un giornale on-line chiamato ‟Giornalesm. com” dell’ordinanza del Commissario della legge Simon Luca Morsiani sull’indagine “titoli”,  presa come base di partenza per chiedere di rinviare la nomina.

Ci pensa così il Pdcs a chiedere “di rimandare la nomina del presidente di Banca Centrale”. “Per fare chiarezza su situazioni estremamente gravi – spiega Francesco Mussoni, Pdcs – rispetto a quanto accaduto in Bcsm”. Per tutta risposta il Governo propone al voto dell’Aula il nome di Catia Tomasetti e il segretario alle Finanze Simone Celli rimarca il valore di entrambi i candidati: “auspico che Giacomo Neri possa rappresentare in futuro una risorsa in altri ambiti”. “La prima sfida che dovrà affrontare il nuovo presidente e su cui ci dovrà essere impegno sostanziale – dice Celli – è la sottoscrizione del Memorandum d’Intesa con Banca d’Italia, importante per ampliare il mercato di riferimento dei nostri operatori”. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy