Coriano (Rn). Lupo ucciso e poi appeso: autori incastrati dal Dna

Andrea Rossini – Corriere RomagnaLupo ucciso e appeso alla fermata: Dna e video incastrano due “pastori” / Nei guai il padre 82enne e il dipendente di un allevatore-agricoltore di Coriano / Le accuse: maltrattamento, cattura, uccisione di animale protetto e furto “venatorio”

CORIANO. Maltrattamento, cattura, uccisione di un esemplare di animale selvatico protetto, patrimonio dello Stato e, quindi, furto “venatorio ” aggravato. Sono le accuse contestate dai carabinieri, al termine di un’indagine coordinata dal pm Davide Ercolani, ai due presunti responsabili del massacro del lupo, poi appeso a testa in giù alla pensilina della fermata dell’autobus 913 a Ospedaletto di Coriano. I fatti risalgono al 4 novembre 2017 e i sospettati, denunciati a piede libero, sono un 82enne (F.O. le sue iniziali) e L.R. (43 anni), entrambi “pastori ” in quanto rispettivamente padre e dipendente del titolare di un’azienda agricola di Mulazzano di Coriano. Inizialmente si era ipotizzato un coinvolgimento di questi (in passato aveva denunciato aggressioni ai danni del suo gregge) ma &egrave stato accertato invece che lui era altrove la notte in cui l’animale fu soppresso ed “esposto”. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy