Rimini. Assolto per la tassa di soggiorno La procura ricorre in Cassazione

Andrea Rossini. Corriere Romana: Albergatore non pagò 20mila euro / Assolto per la tassa di soggiorno La procura ricorre in Cassazione / Per i pm la decisione del giudice appare fondata su una errata interpretazione della legge penale.

RIMINI. La procura di Rimini impugna la sentenza di assoluzione nei confronti dell’albergatore che non aveva pagato la tassa di soggiorno. La decisione del tribunale, secondo il ricorso in Cassazione firmato dal pubblico ministero Davide Ercolani e redatto in collaborazione con il vice-procuratore onorario Leonardo Berardi, «appare fondata su una errata interpretazione della legge penale». Mentre altrove già fioccavano, infatti, le prime condanne per il reato di peculato – punito da 4 a 10 anni – a Rimini, invece, complice l’ambiguità del regolamento comunale che prevede una sanzione amministrativa senza fare riferimento a conseguenze di altro genere, si è assistito all’assoluzione del primo imputato approdato in aula. Accadeva a marzo, poi si sono attese le motivazioni. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy