Rimini. Appicca il fuoco in cella per protesta: rischia ritorsioni dagli altri detenuti

Andrea Rossini. Corriere Romagna: Appicca il fuoco in cella per protesta: rischia ritorsioni dagli altri detenuti / Tunisino dà alle fiamme le lenzuola il compagno dà l’allarme. Evacuata l’intera sezione.

RIMINI. Detenuto appicca un incendio in carcere per protesta, ma grazie alle grida del compagno di cella e al tempestivo intervento degli agenti della polizia penitenziaria si evitano gravi conseguenze. È accaduto lunedì 2 luglio attorno alle 13. Autore dello sconsiderato gesto è un tunisino, condannato per furto, che da tempo chiede di essere trasferito a Ravenna dove, secondo quanto sostiene, vivrebbe un fratello. La sua richiesta è ancora al vaglio dell’amministrazione: gli intoppi sono legati al fatto che la sua identificazione non è compiuta, visto che ha fornito nomi diversi in occasione dei vari controlli, e così quindi quella degli eventuali familiari. (…)

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy