Rimini. «Altro che meteo: la Riviera soffre perché le mancano treni e aerei»

Manuel Spadazzi. Il Resto del Carlino: Le spine del turismo / «Altro che meteo: la Riviera soffre perché le mancano treni e aerei» / L’analisi di Alessandro Nucara, direttore nazionale di Federalberghi.

RIMINI. SU UNA COSA «non possono esserci dubbi, al di là di come sta andando la stagione turistica. Rimini e la Romagna restano le destinazioni leader in Italia per la vacanza al mare. Ma quando si creano congiunture sfavorevoli, come quelle di quest’anno, anche i difetti della Riviera vengono poi a galla». Per Alessandro Massimo Nucara, direttore nazionale di Federalberghi, «il difetto maggiore per Rimini e la costa romagnola è la raggiungibilità. Mancano adeguate infrastrutture, che sono sempre più fondamentali oggi per intercettare i turisti. E mi riferisco anche a quelli della vacanza breve». I dati di questo primo avvio della stagione estiva non sono proprio entusiasmanti. Il mese di giugno, nella provincia di Rimini, si è chiuso con un leggero aumento di arrivi (+0,4%) e un calo delle presenze (-0,8%). E luglio, secondo gli operatori, è andato peggio. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy