San Marino. Telecomunicazioni: la Segreteria di Stato torna a ribadire

SAN MARINO La Segreteria di Stato alle Telecomunicazioni ribadisce pubblicamente alcune questioni sull’accordo Zte, alcune precisazioni sulle Tlc.

L’accordo recentemente firmato con Zte, disponibile (come trasparenza vuole) a questo link http://www.interni.segreteria.sm/on-line/home/delibere-congresso-di-stato/ricerca-delibere-per-seduta/documento25102689.html, non fa altro che ribadire i contenuti del MOU già firmato nel Dicembre 2017 con la medesima Zte, ed allarga il campo ad investimenti di Zte nel settore dell’innovazione tecnologica e ad una collaborazione/sponsorizzazione in vista dell’Expo di Dubai 2020.
Nulla di strano o di allarmante, a meno che non si ritengano allarmanti investimenti in questi ambiti, cosa che non crediamo qualcuno possa pensare.
Il progetto è sempre lo stesso, confermato a più riprese pubblicamente: lo Stato (l’Aass in particolare) si doterà di una rete Internet e mobile di alto livello e di propria proprietà (perchè si ritiene assolutamente strategico in termini di sovranità avere la proprietà della rete) e la affitterà agli operatori privati con il meccanismo del Ran Sharing per il settore mobile e nella modalità fibra accesa e fibra spenta per la rete in fibra ottica FTTH, ottenendo in tal modo una più che adeguata remunerazione dei propri investimenti. Come noto, l’interesse di WindTre all’utilizzo della rete è stato già formalizzato.

Leggi il comunicato integrale

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy