San Marino. I commercianti protestano: “Basta tasse straordinarie”

La Serenissima: I commercianti protestano: “Basta tasse straordinarie”.

SAN MARINO. “Non è che per caso avevamo ragione quando si diceva che i sacrifici sono utilizzati solo ed esclusivamente per ‘tappare’ l’assenza di liquidità nel breve termine? Quando arriverà il giorno, da parte del governo, di una vera e propria ammissione dello stato di fatto in cui riversano le casse dello Stato? Per quanto ancora le aziende rimaste riusciranno a far fronte alle continue richieste di contribuzione ‘straordinarie’ o anticipate? Quale altro cavillo si inventerà la politica, pensando di mantenere un’apparenza ‘che tutto va bene’ continuando a raschiare un barile già prosciugato?”. A porre tutte queste domande sulla crisi di liquidità al governo è l’Unione sammarinese commercio e turismo. L’associazione di categoria, in una nota, ha affermato che “ogni azienda che si rispetti, in mancanza di liquidità e per far fronte ai propri impegni, va alla ricerca delle risorse disponibili”. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy