San Marino. Sciopero degli insegnanti, ecco tutte le motivazioni

SAN MARINO. Gli insegnanti di San Marino di ogni ordine e grado sono pronti ad incrociare le braccia in segno di protesta contro il Decreto scuola voluto dal Governo. In un lungo comunicato, gli insegnanti illustrano le motivazioni che li hanno portati a proclamare lo sciopero.

Come mai una scelta così categorica? Non si poteva agire diversamente?

Arrivare a uno sciopero è sempre una scelta sofferta, ma non erano rimaste altre possibilità, di fronte a un Governo che ha ignorato le varie lettere scritte dai docenti di tutti gli ordini di scuola, le manifestazioni sul Pianello e la raccolta di oltre 2000 firme dei genitori, che da subito hanno compreso e condiviso le ragioni della protesta. Inoltre, contrariamente a quanto affermato recentemente dal Segretario all’Istruzione, nessuno degli aspetti del decreto è mai stato concordato né condiviso con gli insegnanti, né coi sindacati. Non è un caso che il decreto sia uscito il 10 luglio, a scuole chiuse, e proprio poco prima che venisse stabilito il numero di cattedre e incarichi per l’anno scolastico successivo. Anzi, durante il Collegio Docenti presso la Scuola Media Inferiore, in primavera, il Segretario stesso aveva affermato che la scuola, già duramente colpita negli ultimi anni, non sarebbe stata toccata da ulteriori manovre (…)

Leggi il comunicato integrale. 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy