San Marino. Assemblea Generale per i lavoratori degli istituti di credito sammarinesi

SAN MARINO. Venerdì la FULCAS-CSU riunisce i dipendenti del settore bancario sammarinese.

Nonostante l’avvicinarsi del periodo autunnale il clima per il settore bancario sammarinese è particolarmente surriscaldato: sono infatti forti le incertezze e la mancanza di trasparenza e condivisione. In particolare vanno ricordate la febbre da fusione” scoppiata tra Cassa di Risparmio e Banca di San Marino, le avvisaglie di possibili “integrazioni sinergiche e strategiche” che si percepiscono tra le altre tre banche e la mancanza di strategia complessiva per questo delicato settore, che impiega oltre 550 risorse qualificate quasi esclusivamente sammarinesi.
In questo preoccupante contesto – pensato e sviluppato nelle “segrete stanze” tra Governo, vertici di Banca Centrale e gli onnipresenti e strapagati consulenti – si cala purtroppo una crescente perdita di fiducia causata dal susseguirsi di notizie negative che offuscano l’immagine del sistema Paese. Le reiterate richieste di avere a disposizione i piani industriali e le proiezioni sui progetti di sviluppo del settore, avanzate dalla CSU sul tavolo del rinnovo contrattuale delle banche, sono a tutt’oggi inascoltate ed inevase. La disponibilità espressa durante gli incontri di valutare sacrifici economici temporanei a fronte di garanzie occupazionali è caduta nel vuoto.

Leggi il comunicato integrale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy