Riccione (Rimini). L’avanzata di Airbnb spaventa gli hotel

Andrea Oliva. Il Resto del Carlino: L’avanzata di Airbnb spaventa gli hotel Boom di offerte. Aia: «Concorrenza sleale, segnaleremo l’elenco degli alloggi».

RICCIONE (Rimini). GLI albergatori alzano il tiro sulle offerte di Airbnb. «Registriamo anche a Riccione il fenomeno dell’abusivismo ricettivo». L’indagine condotta da Federalberghi su dati Inside Airbnb, mostra un sommerso che preoccupa gli albergatori. Nell’agosto 2016 erano pubblicizzati a Riccione 110 alloggi, il che significa che il numero di camere disponibili era circa il doppio. In una città con oltre 400 alberghi l’incidenza era minima. Ma il fenomeno Airbnb è andato in crescendo e «quest’anno ad agosto risultavano disponibili su Airbnb 267 alloggi, in crescita del 142,73% rispetto allo prima». E contrariamente a quanto dovrebbe accadere, attaccano dall’Aia, non si tratta di stanze all’interno di appartamenti abitati. «Su 267 offerte, ben 236 (l’88,39%) si riferivano a interi appartamenti disponibili. Per di più 139 erano disponibili per più di sei mesi (il 52,06%). Infine 155 erano gestiti da host che mettevano in vendita più di un alloggio». DUNQUE per Federalberghi «non è vero che si tratta di forme integrative del reddito: sono attività economiche a tutti gli effetti, che molto spesso fanno capo ad inserzionisti che gestiscono più alloggi. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy