San Marino. Un provvedimento dell’opposizione per modificare la legge elettorale

Un provvedimento dell’opposizione per modificare la legge elettorale.

I gruppi consiliari di Rete, Movimento democratico San Marino insieme, Partito democratico cristiano sammarinese, Partito socialista e Partito dei socialisti e dei democratici hanno depositato ieri nella Segreteria istituzionale un progetto di legge per apportare modifiche all’attuale legge elettorale. La legge qualificata 11 maggio 2007 n. 1, spiega tutta l’opposizione in una relazione al provvedimento, era “stata progettata per un sistema sostanzialmente bipolare verso il quale si voleva indirizzare la politica sammarinese di allora”. Il dato odierno, “che vede il moltiplicarsi delle coalizioni e una palpabile ritrosia delle forze politiche a formare coalizioni vaste prima delle elezioni, ha evidenziato i limiti della legge con l’imporsi quasi inevitabile del ricorso al secondo turno di ballottaggio”. Se al ballottaggio si unisce poi il premio di stabilità, “si può arrivare, come nel caso dell’ultima tornata elettorale, a un effetto veramente distorsivo: uno spostamento di 15 consiglieri su 60, pari al 25%”. (…)

Tratto da La Serenissima

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy