Negoziato con l’Unione europea, interviene il Psd

Dopo due anni di negoziato con l’Unione europea, la diplomazia segreta di Renzi e del suo governo, sempre denunciata dal PSD, sarà inchiodata dalla realtà. A pagarne il prezzo saranno ancora i cittadini, costretti ad ingoiare un Accordo del quale non sanno nulla e del quale nulla potranno capire in tempi così stretti e su una materia così complessa?

Il Partito dei Socialisti e dei Democratici  ritiene “allucinante che, malgrado le ripetute richieste del PSD, ancora non esista un documento ufficiale e pubblico sul contenuto del negoziato e che, ancora la scorsa settimana, sia stata respinta dalla maggioranza la richiesta di abolire la diplomazia segreta a San Marino, già abolita negli Stati Uniti da Wilson 100 anni fa”.

In due soli mesi dovranno essere recuperati anni di mancata divulgazione delle informazioni utili a far capire le prospettive positive date dall’ingresso nel Mercato Unico, dalla fine dello status extracomunitario pur senza aderire alla Unione Europea; ma anche due soli mesi in cui spiegare quanto dovranno cambiare le nostre istituzioni, la pubblica amministrazione, il processo legislativo. Il PSD ha sempre sostenuto che una maggior integrazione non è fatta di sole ‘rose e fiori’ e che, a fronte di una conquista importante, era necessario far bene comprendere le rinunce.
Il PSD teme che se è vero che quello dell’Accordo di Associazione è “un treno che passa una volta sola” è anche vero che finché non si sa dove si va ed a quali condizioni, non c’è nessuno disposto a comprare il biglietto, figuriamoci a salire sul treno.

Leggi il comunicato integrale

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy