San Marino e nuova legge sulla privacy: il futuro di professionisti e imprese è oggi

[c.s.] Tutela e trattamento dei dati personali: da quelli comuni a quelli sensibili. Web security e principio di responsabilità verificabile per aziende e professionisti. Entrata in vigore a San Marino nuova norma in linea con legislazione UE e Paesi avanzati. Nuove opportunità di crescita e competitività internazionale per imprese, servizi e mondo delle professioni sammarinesi.

300 TRA COMMERCIALISTI O REVISORI DI CONTI E I 200 AVVOCATI della Repubblica della Libertà, è arrivato il momento di rendere operativa la nuova normativa (L171/2018), per la protezione delle persone fisiche nel trattamento dei dati personali. Le legge adegua standard normativi di San Marino a quelli più avanzati e in opera a livello UE e internazionale. Consente, quindi, a imprese a mondo delle professioni e dell’impresa di dialogare, interagire, lavorare a parità di condizioni e tutele, con tutti gli attori di un mercato globale sempre più articolato. Particolare non da poco per il Titano, visto il valore dell’EXPORT SAMMARINESE 2017, più di 1 MILIARDO E 700 MILIONI DI EURO e di un import, sempre 2017, attestato attorno al MILIARDO E 300 MILIONI (dati ministero Affari Esteri Italia). 

 “Siamo di fronte a un testo avanzato e efficace. Chiaro negli impegni da assumere e negli strumenti da adottare per aziende e professionisti. Da interpretare come una possibilità di up grade dei propri livelli di efficienza e produttività e con ricadute importanti sul piano della gestione dell’attività lavorativa_ – spiegano l’avvocato FABIO PARI e PAOLO ROSETTI, data protection officer del team di lavoro della società “CONSULENTI PRIVACY” – _ciò che è richiesto, consente di organizzare banche dati organiche, facili da utilizzare e in grado di dialogare con i soggetti extra San Marino.

Mette nelle condizioni di costruire reti e data recovery protetti, al sicuro dai sempre più frequenti e sofisticati __CYBERATTACKS__. Fatto da non sottovalutare, preso atto dell’introduzione del concetto di ACCONTAUBILITY, cioè di responsabilità verificabile, da parte di chi conserva e tratta i dati. Con conseguenti sanzioni per chi non osserva la norma e iN GRADO DI ARRIVARE FINO A 10 MILIONI DI EURO O A ALL’EQUIVALENTE DEL 4% DEL FATTURATO ANNUO_”.

La “L171/2018” richiede, inoltre, l’istituzione e la formazione di figure quali: titolare del trattamento dei dati, responsabile trattamento e incaricato al trattamento. Senza dimenticare il ruolo estremamente importante della designazione di un rappresentante del titolare dei dati all’interno del Paese UE, con cui si comunica e lavora.

 “È certamente un percorso articolato, pensiamo alla necessità del data processor, una professionalità legata a particolari competenze informatiche, o alla richiesta di consenso al trattamento richieste ai clienti_ – concludono FABIO PARI e PAOLO ROSETTI – a san Marino esistono competenze e società in grado di accompagnare imprese e professionisti in questo processo. Soprattutto, di dotare ogni realtà di un nuovo know how essenziale per crescita e sviluppo della propria attività. Anche e soprattutto al di fuori dei confini”.

www.iconsulentiprivacy.it

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy