Per il campione europeo Roberto “Titano” Gheorghita si aprono le porte dell’Oktagon

Il fighter, di origini rumene ma sammarinese di adozione, Roberto “Titano” Gheorghita parteciperà all’Oktagon, l’evento italiano più importante di arti marziali.

A dare l’annuncio è lo stesso atleta, fresco vincitore del titolo europeo Iska di K1 cat. 65kg, sabato 16 marzo al Carisport di Cesena nell’ambito del “Fight Never End 8”.

“Il patron dell’evento Carlo Di Biasi – racconta Gheorghita – era a vedere il match a Cesena e dopo l’incontro ci ha dato la bella notizia: mi ha concesso la wild card per partecipare all’Oktagon per meriti sportivi internazionali”. L’appuntamento è per il 25 maggio sul ring del Candy Arena di Monza. Per il fighter biancazzurro è un ritorno, dopo la partecipazione dell’edizione 2017.

“Questa vittoria mi ha convinto – ha dichiarato Carlo Di Blasi a caldo – Georghita merita Oktagon, per cui lo mettiamo come Wild Card nella serata”. Ancora non ufficializzato il suo avversario: “Ho già idea di chi mettergli di fronte – ha aggiunto Di Biasi – Lo voglio nella parte in cui metteremo tutti gli atleti i cui scontri da tempo vengono richiesti dal nostro pubblico. Sto aspettando un risultato internazionale importante che mi confermi la validità del contender e poi annunceremo il match.”


A convincere il patron dell’Oktagon è stata la splendida vittoria di Gheorghita a Cesena ai danni del campione in carica, il tedesco Pavel Magureanu. Una vittoria netta, avvenuta per k.o. alla quarta ripresa. “Il match è stato abbastanza a senso unico – spiega il neo campione europeo – Sono partito subito forte con una serie di low kick che già alla prima ripresa hanno portato al mio avversario diversi problemi alla gamba. Ho continuato a menare duro alle gambe e alla quarta ripresa è arrivato il forfait”.

Al contrario Gheorghita è uscito piuttosto bene dal match: “Ho la tibia destra un po’ acciaccata ma niente di grave. Ora inizia il grosso lavoro per arrivare al top per l’Oktagon. Non vedo l’ora di avere ufficializzato il mio avversario. Io cercherò di arrivare al massimo”.

Ad assistere il lottatore nella preparazione sarà un team ormai assodato: l’allenatore Luca Cervellini, il preparatore atletico Massimo Benedettini, il fisioterapista Fabio Ganzerli, Enrico Maestri dell’Accademia Pugilistica Valconca.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy