Introdotto il reato di corruzione privata nell’ordinamento sammarinese

 Nel primo giorno di lavoro della Commissione consiliare sono stati esaminati e approvati due progetti di legge. 1) “Introduzione del reato di corruzione privata nell’ordinamento sammarinese” viene approvato con 11 voti a favore, zero contrari e 2 astenuti, relatore unico indicato è il consigliere Marianna Bucci, Rete.            
Come spiega il Segretario di Stato Nicola Renzi, nella relazione al progetto, il provvedimento “risponde al primario obiettivo di introdurre nell’ordinamento sammarinese una categoria di reato attualmente mancante, cioè a dire quello di corruzione privata”. E di fatto “punta a recepire le raccomandazioni emanate dal Gruppo di Stati contro la Corruzione del Consiglio d’Europa (GRECO) nei confronti della Repubblica di San Marino- sottolinea- nel Rapporto sul Terzo Ciclo di Valutazione, adottato a Strasburgo il 18 marzo 2016”.

Il Pdl trova il favore anche di parte dell’opposizione- Rete, Gruppo Misto-mentre il Pdcs si è astenuto, criticando l’eccessiva attività normativa legata agli adeguamenti agli standard internazionali. “Ma non vogliamo passi il concetto per cui la Dc sia contraria alle regole di trasparenza e alla conformità e agli standard per avere un ordinato senso di credibiltà da parte del nostro Paese- puntualizza Teodoro Lonfernini- siamo contrari alla metodologia del regolamentare tutta la vita del Paese”.            
Nel corso del dibattito, il consigliere Marianna Bucci, Rete, presenta un Odg che rafforza l’impegno del governo nella lotta alla corruzione. In particolare, l’Odg chiede l’attivazione di “un tavolo permanente che riunisca a cadenza periodica i rappresentanti di assocciazioni di categoria, delle organizzazioni sindacali, dell’Associazione bancaria sammarinese e i dirigenti Pa affinchè appronti iniziative di sensibilizzazione in tema di corruzione dedicate al mondo delle imprese e dei lavoratori pubblici e privati; analizzi cause ed effetti del fenomeno corruttivo e si confronti al fine di formulare indirizzi utili al miglioramento degli strumenti di contrasto della corruzione in tutti i settori economici” e inoltre chiede all’esecutivo di informarsi rispetto la possibile adesione del Paese all’organizzazione “Transparency Global”. La discussione sull’Odg e la sua votazione viene rinviata alla prossima seduta, prevista martedì, ne frattempo Marina Lazzarini, Ssd, si esprime in favore di una sottoscrizione condivisa.

2) La Commissione affronta poi velocemente l’esame dell’articolato e il voto del Progetto di legge “Modifiche alla normativa in materia di Trust” approvato con 9 voti a favore zero contrari. Viene indicato Relatore di maggioranza il consigliere Margherita Amici, Rf.

In Comma comunicazioni, in apertura di seduta, in più interventi, viene affrontato il tema della scuola, rispetto l’intesa raggiunta tra Segreteria Istruzione e Sindacati, così come sul problema di reclutamento di insegnanti nella scuola primaria, su cui prende parola in replica anche il Segretario di Stato Marco Podeschi.

 I lavori della Commissione riprenderanno martedì in notturna

 

 

Comma 1. Comunicazioni

Mariella Mularoni, Pdcs 

Fabrizio Perotto, Rf 

Dalibor Riccardi, Gruppo Misto 

Marco Podeschi, Segretario di Stato all’Istruzione 

 

Comma 2. Esame del Progetto di legge “Introduzione del reato di corruzione privata nell’ordinamento sammarinese” / Approvato con 11 voti a favore, zero contrari e 2 astenuti./ Relatore unico Marianna Bucci

Sds Nicola Renzi 

Margherita Amici, Rf 

Marianna Bucci, Rete 

Teodoro Lonfernini, Pdcs 

Dalibor Riccardi, Gruppo Misto 

Roberto Joseph Carlini, Ssd 

Marina Lazzarini, Ssd 

Sds Nicola Renzi

 

Dichiarazione di voto

Teodoro Lonfernini, Pdcs

Margherita Amici, Rf

Marina Lazzarini Ssd

Marianna Bucci, Rete

Dalibor Riccardi, Grupo Misto

Luca Boschi, C10

Leggi il report integrale 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy