1942, le leggi razziali arrivano a San Marino

1942, le leggi razziali arrivano a San Marino

A 4 anni di distanza il Titano si adeguò alle leggi italiane, ma senza mai mettere in pratica le nuove norme

Dall’Osservatore Romano del 12 ottobre 1944: “Oltre al diritto d’asilo San Marino ha esercitato con cuore fraterno il dovere sacro di aiutare i colpiti dalla guerra nelle località vicine. E tutto questo nelle condizioni più difficili”. L’accoglimento di circa 100.000 italiani in fuga dall’Italia martoriata dalla guerra è un argomento su cui si è molto scritto e che testimonia una San Marino ospitale e aperta all’accoglienza (forse più di oggi). Sembra che circa 1.000 di quei rifugiati fossero ebrei. Il 15 settembre 1935 a Norimberga, durante l’annuale congresso del Partito Nazista, vengono annunciate due leggi che pongono le basi della Shoa: la “Legge per la protezione del sangue e dell’onore tedesco”, e la “Legge sulla cittadinanza tedesca”. (…)

Tratto da L’informazione di San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy