«Salvini dice a se stesso di intervenire»

«Salvini dice a se stesso di intervenire»

Più potere ai prefetti, il sindaco Gnassi attacca la direttiva ministeriale.

MARIO GRADARA. ZONE rosse: la circolare del ministro Salvini sollecita i prefetti a sostituirsi ai sindaci firmando ordinanze antidegrado. Sollevazione dal Pd. Lei come la vede?
«Ben venga. Finalmente una decesione attesa da decenni!», risponde il sindaco Andrea Gnassi.
Prego?
«Mi fa piacere che lo Stato si ricordi che la competenza – e l’ultima parola – nelle materie di ordine pubblico e della sicurezza è sua, e non dalla circolare odierna ma dal 1948».
A suo avviso la sollecitazione del ministro è superflua?
«Lo Stato italiano dichiara fermamente la sua decisione di rispettare irrevocabilmente la legge dello Stato italiano. E per farlo ha deciso di inviare una nuova circolare a tutti i prefetti. Una lettera ai prefetti per dire loro ‘fate i prefetti’, esattamente come la Costituzione italiana prevede. La prossima circolare ai prefetti sarà quella in cui si afferma che con il rosso non si può passare all’incrocio?»
Ironia a parte, in passato più volte lei ha rivendicato più autonomia operativa anche in materia di ordine pubblico, insieme a prefetti e questori.
«Sono anni che sindaci e polizie locali – continua Gnassi – devono supplire autonomamente, volontariamente, disperatamente ai ritardi, alle distrazioni di uno Stato centrale che sulla sicurezza dimostra interesse solo quando c’è da tagliare organici e dotazioni e scaricare competenze a Regioni e Comuni. Se dicono di volere fare quello che dovrebbero già fare per contratto e legge perché lamentarsi? Ben venga». (…)

Tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy