CSU: sicurezza sul lavoro, valore non negoziabile

CSU: SICUREZZA SUL LAVORO, VALORE NON NEGOZIABILE

26 aprile 2019 – La sicurezza sul lavoro è un valore non negoziabile. Lo affermano con forza i Segretari della CSU, Giuliano Tamagnini e Gianluca Montanari, in occasione della Giornata mondiale per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro promossa dall’ILO, l’Organizzazione internazionale dl lavoro, e  in calendario domenica 28 aprile.  Una giornata che ha come obiettivo la promozione a tutti i livelli – istituzioni, imprese, lavoratori –  della cultura della prevenzione.

A San Marino gli ultimi dati disponibili ci consegnano uno scenario dove il binomio sicurezza-prevenzione resta un impegno prioritario: negli ultimi 6 anni la media degli infortuni si attesta sui 412  casi all’anno, per un totale di poco più di 7mila giorni di malattia.  Sempre negli ultimi 6 anni si è registrato un incidente mortale, accaduto nel 2017, mentre erano stati 2 nei 6 anni precedenti. 

“Non esiste progresso di alcuna natura che consideri la sicurezza della vita dei lavoratori un valore negoziabile – sottolineano Giuliano Tamangini (CSdL) e Gianluca Montanari (CDLS) – Nell’era della digitalizzazione e delle nuove tecnologie  c’è ancora tanto da fare per sconfiggere la subcultura che considera la sicurezza un costo, piuttosto che  un investimento etico e produttivo” .

Spesso esiste, osservano i segretari CSU,  uno stretto rapporto tra “insicurezza e improduttività“: le  imprese poco salubri  risultano in molti casi anche imprese poco produttive,  così come c’è una forte correlazione tra infortuni e lavoro nero e precario.

Per questo – affermano Tamagnini e Montanari –  oltre all’impegno costante nel diffondere sui posti di lavoro la cultura della prevenzione e il rispetto delle regole antinfortuni, da parte di Governo e istituzioni  deve corrispondere un forte e diffuso investimento  nelle attività ispettive”.  Insieme ad una cultura della prevenzione e alla promozione della dignità del lavoro,  servono insomma più controlli. 

Allo stesso tempo, “anche la certezza della pena è un fondamentale deterrente per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro. A questo proposito dobbiamo invece segnalare che, a fronte di una legge che prevede l’avvio automatico del procedimento penale in caso la prognosi complessiva superi i 30 giorni, solo in poche occasioni scatta la denuncia in tribunale. Segnaliamo altresì che nel 2017 su 80 infortuni sul lavoro solo in un caso la prima prognosi è stata superiore a 30 giorni, mentre nel 2018 (dati disponibili fino a novembre) vi è stato un caso su 64.”

“È un’anomalia – concludono i segretari della Centrale Sindacale Unitaria – che va superata con modalità di rilevamento delle prognosi più consone alla gravità degli infortuni e con la tempestiva comunicazione all’autorità giudiziaria da parte delle strutture sanitarie.”

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy