“La legge elettorale dev’essere modificata al più presto”

Nei giorni scorsi una delegazione del comitato promotore del referendum  per la modifica della legge elettorale è stata ricevuta a Palazzo Pubblico dagli Eccellentissimi Capitani Reggenti.

“Durante l’incontro – si legge in un comunicato – il comitato promotore ha espresso soddisfazione per l’ottima partecipazione dei cittadini sammarinesi nell’esercizio più alto di democrazia diretta, ovvero l’espressione del proprio diritto di scelta attraverso il referendum. Il comitato referendario ha chiesto alle Loro Eccellenze di farsi garanti della volontà espressa dal 60% dei cittadini affinché il quesito venga recepito da una legge dello Stato in tempi brevi e nelle modalità in cui è stato sottoposto al vaglio referendario.  Modifiche ulteriori alla legge elettorale,relative al tema trattato nel quesito, diverse da quelle sottoposte a referendum,  a nostro avviso, sarebbero una evidente forzatura nei confronti degli oltre 8500 cittadini sammarinesi che si sono espressi in maniera chiara ed inequivocabile prevedendo di scongiurare il turno di ballottaggio con la possibilità di apparentamento fra coalizioni dopo il primo turno di voto”.

“Rileviamo – prosegue il comunicato – che si sarebbe potuto recepire il quesito referendario con eventuali altre modifiche alla legge elettorale ben prima della chiamata alle urne. La necessità di cambiare la legge elettorale nasce dopo la consultazione del 2016 dove si sono palesate tutte le storture di una legge elettorale che non tutela il diritto alla rappresentatività. Riterremmo dunque tardivo e inappropriato intervenire sulla legge elettorale con modifiche ulteriori dopo il voto referendario, pertanto vigileremo affinché il quesito  venga recepito con una legge in tempi brevi rispettando la volontà espressa dai cittadini”.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy