Rimini. Tratta di trans, arrestata una famiglia

La prostituzione è un affare di famiglia: coppia in manette, nei guai figlia e genero

A capo una badante, accusata di reclutare transessuali dal Perù da “gestire” con i propri parenti

ANDREA ROSSINI – La prostituzione è un affare di famiglia. Padre, madre, figlia e genero, con la collaborazione di un complice “esterno”  avrebbero reclutato delle persone transessuali in Perù per poi dirottarle sul marciapiede a Rimini. Con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento e allo sfruttamento della prostituzione, nonché, a vario titolo, di favoreggiamento della permanenza in Italia di soggetti clandestini, tentata estorsione, tentata rapina e lesioni personali, sono stati arrestati Jose Jaime Manco Merida, 37 anni, muratore, la moglie Maria Teresa Vargas Tomas, 45 anni, badante, entrambi cittadini peruviani da anni residenti a Rimini, il genero Francesco Mastropasqua, 43 anni, pugliese, e una transessuale di 44 anni, nome d’arte “ Tracy”, che avrebbe svolto il lavoro sporco quando c’era da chiedere i soldi alle “colleghe” che facevano parte della “scuderia”. Anche la figlia della donna, una 27enne residente a Rimini, è tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Rimini Manuel Bianchi su richiesta del pm Luigi Sgambati: per lei si ipotizza, però, un ruolo molto defilato, tanto che nei suoi confronti è stato disposto il solo divieto di dimora in città. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy