San Marino. Il Consiglio Grande e Generale respinge l’istanza di Grandoni

Si è tenuta nella giornata di ieri una riunione dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Grande e Generale convocata dalla Ecc.ma Reggenza a seguito della istanza depositata all’Ufficio Segreteria Istituzionale dall’Ing. Marino Grandoni e facente riferimento alla Commissione Consiliare d’inchiesta istituita con Legge Costituzionale 14 giugno 2019 n.2, commissione il cui insediamento – come da convocazione del suo Presidente – è avvenuto nel pomeriggio di ieri.

Lo riferisce l’Ufficio di Presidenza del Consiglio Grande e Generale. “Considerato che tale istanza si riferiva ad atti e provvedimenti approvati dal Consiglio Grande e Generale e considerato che l’Ufficio di Presidenza è l’organo che – per legge – rappresenta il Consiglio Grande e Generale, la Reggenza ha ritenuto opportuno e doveroso procedere tempestivamente a convocarlo. L’Ufficio di Presidenza all’unanimità ha dichiarato irricevibile l’istanza dell’Ing. Marino Grandoni, confermando univocamente, nell’occasione, la piena legittimità dell’iter seguito dal Consiglio Grande e Generale per le decisioni e l’adozione degli atti citati nell’istanza medesima, decisioni e atti assunti nell’ambito dei poteri e delle attribuzioni che la legge conferisce al Consiglio medesimo e nel pieno rispetto delle norme che ne disciplinano l’attività e le competenze”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy