Per San Marino il caso Armando Siri potrebbe a breve complicarsi

La Giunta sarà convocata comunque

Siri avrebbe già presentato una memoria

VALERIA PACELLI E ILARIA PROIETTI, Il Fatto Quotidiano: “Anche in caso di scioglimento delle Camere, qualora non ci fosse la fiducia al governo, sul caso di Armando Siri daremo comunque una risposta ai magistrati. Cominceremo ad affrontare la questione già la prossima settimana”. Parola di Maurizio Gasparri, senatore forzista e presidente della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari del Senato. È qui infatti che si discuterà la richiesta di autorizzazione della Procura di Milano per sequestrare due pc in uso a Siri, sottosegretario leghista alle Infrastrutture e ai Trasporti fino all’ 8 maggio scorso quando ne era stata decisa la rimozione data la gravità delle contestazioni giudiziarie mosse all’e sponente politico vicinissimo a Matteo Salvini. (…) 

Dopo la decisione della Giunta, quindi, si potrà dare un ’accelerata alle indagini della Procura di Milano dove con Siri è indagato anche colui che era il capo della sua segreteria, Luca Perini: per i pm Gaetano Ruta e Sergio Spadaro i due in concorso tra loro “avendo partecipato alla commissione dei delitti di appropriazione indebita e amministrazione infedele in relazione alle somme di 748.205 indebitamente corrisposte il 28 novembre 2018 a titolo di finanziamento da Banca Agricola Commerciale di San Marino, impiegavano tale denaro per l’acquisto di immobili da concedere in locazione” a Bresso. (…)

Per Maurizio Gasparri la decisione sulla richiesta dei magistrati è un atto dovuto. ““Anche qualora dovessero sciogliere le Camere – ha spiegato il presidente della Giunta al Fatto– verrà convocata lo stesso una conferenza dei capigruppo per stabilire il calendario dei lavori della Giunta dove il caso verrà discusso e deciso”.

Leggi anche: “Lady Lega” da Verona, attratta da San Marino, di Marino Cecchetti su L’Informazione di San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy