Riccione. Controlli sui treni, 17 denunce a piede libero

È stato resto noto il bilancio della Polizia Ferroviaria in Emilia Romagna relativa alla quotidiana opera di prevenzione e repressione dei reati nelle stazioni e a bordo dei treni durante l’estate.

33.487 persone identificate, 14 persone arrestate, 175 denunciate a piede libero di cui 13 minorenni, 40 soggetti segnalati all’Autorità amministrativa, 19 minori non accompagnati sono stati rintracciati e riaffidati alle rispettive famiglie o collocati presso strutture protette, 3 chilogrammi di sostanza stupefacente sequestrata, 230 violazioni amministrative elevate di cui 68 in materia di sicurezza ferroviaria e decine di stazioni controllate.

La stagione estiva appena conclusasi ha visto un’intensificazione dei servizi di vigilanza con un particolare impegno per le donne e gli uomini della Polizia di Stato in servizio al Compartimento Polizia Ferroviaria Emilia Romagna, sia per la quotidiana opera di prevenzione e repressione dei reati nelle stazioni e a bordo dei treni, che per le particolari misure adottate per garantire la sicurezza dei viaggiatori nelle stazioni e a bordo dei treni.

Si segnalano in termini di prevenzione le giornate di controllo straordinario del 17 e 27 giugno, 4 e 26 luglio, 9 e 28 agosto per l’intensificazione dei controlli in chiave antiterrorismo e di contrasto a ogni forma di criminalità e abusivismo nell’ambito ferroviario e nelle immediate adiacenze.

Sono state, inoltre, effettuate scorte su 931 treni ed esperiti controlli su 529 veicoli circolanti nelle zone immediatamente adiacenti gli scali ferroviari.

Gli arresti eseguiti si riferiscono a traffico e detenzione di sostanze stupefacenti, furto aggravato, esecuzione di ordinanze di custodia cautelare eseguite nei confronti di soggetti latitanti, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Le denunce in stato di libertà riguardano i reati di truffa, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale, commercio di prodotti con marchi contraffatti, violazione al foglio di via obbligatorio, violazione delle norme sul soggiorno degli stranieri in Italia e rifiuto di generalità.

Per quanto riguarda, in particolare, la provincia di Rimini, il personale della Sezione Polizia Ferroviaria del capoluogo e del Posto di Polizia Ferroviaria temporaneo, attivato per l’intera stagione estiva nella stazione di Riccione, ha conseguito i seguenti risultati: 5.086 persone identificate, 17 denunciate a piede libero, 4 minori non accompagnati rintracciati e riaffidati alle rispettive famiglie o collocati presso strutture protette, 15 grammi di sostanza stupefacente sequestrati, 38 violazioni amministrative elevate di cui 35 in materia di sicurezza ferroviaria e numerose stazioni controllate.

Inoltre 6 soggetti, sorpresi all’interno della stazione di Riccione intenti a svolgere attività di vendita di biglietti e promozione in forma itinerante di discoteche, bar e locali da ballo in genere, in violazione delle normative comunali e ferroviarie, sono stati sanzionati in via amministrativa e nei loro confronti è stato emesso un ordine di allontanamento. Sono state, inoltre, effettuate scorte su 16 treni ed esperiti controlli su 23 veicoli circolanti nelle zone immediatamente adiacenti gli scali ferroviari.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy