San Marino. Il pensiero di Geminiani sul “Green Festival”

A una settimana dalla sua conclusione, il curatore Gabriele Geminiani traccia un resoconto sulla prima edizione del “San Marino Green Festival” partendo da un singolare incontro e dalla riflessione che ne è scaturita.

Inizia così il testo della nota stampa firmata da Gabriele Geminiani, ideatore e organizzatore del Festival sammarinese dell’ecosostenibilità, tenutosi il 20, 21 e 22 settembre al Podere Lesignano e a Palazzo Graziani.

“(…) Il ‘San Marino Green Festival’ si è da poco concluso, lascia una nuvola densa di emozioni, incontri, buoni propositi… La domanda è però una: cosa ci ha lasciato di concreto? Come e quanto ha potuto incidere nella coscienza dei pochi o molti che vi hanno partecipato a vario titolo? O di chi ne ha semplicemente beneficiato leggendo le cronache sui vari media locali o vedendoci alla tv? Siamo riusciti a capire o a carpire qualcosa di importante da innestare nella vita di tutti in giorni? Perché ‘capire è cambiare’, come insegna quella minuscola e a tratti sgraziata ragazzina svedese avversata da tanti”, dichiara lo stesso Geminiani nel comunicato.

“Voleva essere un festival ‘di prossimità’ – aggiunge Geminiani – in cui le relazioni contassero più dei numeri o dei grandi ospiti che richiamano folle oceaniche. (…) Di sicuro i tanti bambini delle scuole elementari che hanno visitato le mostre d’arte inserite nel programma sotto la guida appassionata di artisti con la vocazione a narrare, avranno fissato in maniera indelebile nel loro immaginario qualcosa di prezioso, che vale più dell’oro in questo preciso momento terrestre. E solo per questo il festival ha già vinto! (…)”.

Ecco il testo integrale della nota stampa

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy