Sono ancora i poteri forti a farla da padrone. Marino Cecchetti su L’Informazione di San Marino

Dal 2006 tutti i governi hanno addossato al bilancio dello Stato i buchi delle banche via via in difficoltà. Tanti i milioni erogati e nemmeno un euro recuperato, nonostante le promesse elettorali, le delibere del Congresso di Stato e, addirittura, specifiche deliberazioni del Consiglio Grande e Generale.

Dopo l’8 dicembre, cioè a elezioni avvenute, si cambierà?

La legislatura è terminata con una deliberazione del CGG che, su proposta di Rete, estende ad una finanziaria la copertura di cui sopra. E per un importo rilevantissimo: “€ 6.351.147,42 (seimilionitrecentocinquantunomilacentoquaranta sette/42)”.

La deliberazione è stata presa all’unanimità.

All’unanimità, dunque, si è deciso di applicare anche ad una finanziaria la legge salvabanche: “Strumenti di risoluzione delle crisi bancarie a tutela della stabilità del sistema finanziario”.

La finanziaria che ha inaugurato questo nuovo filone di salasso di soldi pubblici è la San Marino Investimenti (Smi). La Smi, come società, è in liquidazione coatta amministrativa dal 2012. Nel 2017 il Partito dei Socialisti e dei Democratici ha provato a chiedere informazioni sul lavoro dei commissari presentando una specifica interpellanza a risposta scritta. La risposta ricevuta è solo un arzigogolo di parole: niente informazioni, delucidazioni.

Nella notte di venerdì 27 settembre quando in CGG si discuteva di assestamento del bilancio, ecco spuntare l’emendamento pro Smi, che – andando al sodo – impone a ciascuno di noi un esborso di oltre 177 euro: un altro rivolo del fiume di danaro che dal 2006 esce dalle casse dello Stato, ingigantendo il debito pubblico.

I favori ai poteri forti dunque continuano. E continueranno anche dopo le elezioni, vista, in materia, cotanta premessa.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy