San Marino, Caso Siri: autorizzazione dal Senato al sequestro dei telefonini

Caso Siri, dalla Giunta del Senato l’ok al sequestro di email, chat e sms

Inchiesta sui mutui a San Marino: centrodestra sconfitto di misura

ILARIA PROIETTI Il Fatto Quotidiano – La Giunta per le autorizzazioni del Senato ha dato il via libera ai magistrati di Milano che si erano rivolti a Palazzo Madama per poter sequestrare email, conversazioni via chat, sms e altri contenuti del cellulare del collaboratore dell’ex sottosegretario leghista Armando Siri, indagato per autoriciclaggio aggravato: oltre ai due pc già sequestrati potranno utilizzare anche quanto contenuto nello smartphone di Marco   Luca Perini e che sia utile per fare luce sui finanziamenti ottenuti dal parlamentare dalla Banca agricola Commerciale di San Marino a condizioni ritenute di particolare favore e che poi ha utilizzato per l’acquisto di un immobile a Bresso (Milano) intestato a sua figlia. Compresi i 10.742 messaggi, tra sms, mms e chat scambiati tra Perini e Siri quando quest’ultimo era già senatore.
 (…)  ora sarà l’aula del Senato a dover bollinare definitivamente le decisioni assunte in Giunta. Secondo cui non è emerso alcun fumus persecutionisnei confronti di Siri da parte della Procura di Milano, che ha anche motivato correttamente l’estensione dell’“acquisizione probatoria” del cellulare di Perini. Per il Senato è giustificata dal fatto che “i rapporti tra i due coindagati andrebbero oltre il ristretto ambito istituzionale”: il collaboratore del parlamentare leghista aveva infatti partecipato agli incontri con gli esponenti della Banca del Titano che hanno portato al rilascio dei finanziamenti e risulta lui stesso acquirente di una porzione dello stesso immobile di Bresso acquistato dalla figlia del senatore. (…) 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy