San Marino. La Reggenza chiede più confronto e condivisione

I Capitani Reggenti fanno appello a “confronto e condivisione”

“Un augurio che, in particolare, vorremmo far giungere a coloro che, per le condizioni di difficoltà che stanno vivendo, maggiormente avvertono il bisogno di un messaggio di fiducia e speranza”. Con queste parole, i Capitani Reggenti di San Marino, Luca Boschi e Mariella Mularoni hanno rivolto gli auguri per le festività ai cittadini sammarinesi, mettendo al centro del loro intervento i maggiormente bisognosi, conformemente allo spirito del Natale. “Il più sincero augurio – hanno scritto Luca Boschi e Mariella Mularoni – affinché le festività possano rappresentare per tutti un momento di gioia e di serenità”. I Capi di Stato si sono detti “pertanto grati a tutti coloro che anche in queste giornate si adoperano, con amicizia e generosità, per essere vicini ai più bisognosi e portare loro sostegno e conforto. Nel loro operato ravvisiamo una testimonianza e un esempio di quell’attenzione nei confronti dell’altro e di quello spirito di condivisione in cui è riposto il significato più autentico di questa ricorrenza, il suo profondo valore spirituale ed etico”. I Capitani Reggenti hanno manifestato la necessità di confronto tra le persone. “Un significato – quello del Natale – che, ogni anno, andando oltre l’esteriorità, siamo chiamati a recuperare e a fare nostro affinché possa rappresentare un ideale con cui confrontarci costantemente anche nell’affrontare le sfide delicate e complesse del tempo presente. La speranza con cui, in questi giorni, vogliamo guardare al futuro esige che l’attenzione per le ragioni del vivere insieme, il valore della solidarietà e della condivisione possano essere sempre più diffusi e così rappresentare una preziosa risorsa per superare insieme paure, incertezze e difficoltà di questo momento. Il nostro auspicio è che il nostro piccolo Stato continui ad essere grande per il messaggio di speranza e di fiducia che, grazie a tanti nostri volontari, sa portare anche fuori e lontano dai nostri confini, per l’impegno portato avanti per costruire un mondo più giusto e pacifico, ove ogni persona possa essere libera e rispettata nella sua dignità e non sia più costretta a fuggire dalla povertà, dalla guerra e dalla persecuzione”.

Articolo tratto da Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy