San Marino. Elisabetta Righi Iwanejko: “che tutti i Castelli siano coinvolti nel Progetto Titano”

“Tutti coloro che mi conoscono, sono consapevoli che la cultura è la stella polare della mia vita. Ma la cultura assume varie forme nell’interrelazione con il mondo che la circonda. Anche la politica è cultura. Cultura del buon governo. Cultura della storia e delle tradizioni”.

Inizia così la riflessione di Elisabetta Righi Iwanejko, e prosegue: “Pertanto San Marino è una comunità con un glorioso passato, che gli permette di guardare al futuro con ottimismo e fiducia. Una comunità che deve migliorare e ripartire con coraggio e senza paura. Ma prima di guardare all’esterno, occorre rinsaldare il legame all’interno. San Marino non è solo il Castello di Città, bensì tutti e nove i Castelli. Una città è compiuta quando centro storico, periferia, frazioni diventano un corpo unico. Allo stesso modo è necesario che tutti i Castelli siano coinvolti nel “Progetto Titano” allo scopo che la coesione non sia una mera parola del vocabolario.

Una comunità con una meta comune, con un comune interesse, con una comune visione di società può ambire a qualsiasi traguardo a prescindere dalle dimensioni geografiche e dalle potenzialità economiche. La sovranità nazionale, si difende soprattutto con lo spirito di comunità che vale più dei trattati internazionali e di forze militari imponenti. Un reale governo del popolo per il popolo sarà un’autorità con autorevolezza che coniuga prestigio, giustizia, moralità”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy