Rimini. Lite furiosa in centro tra ragazzi

Figli presi a pugni in centro senza motivo. Appello delle madri: “Fermate le violenze”

ANDREA ROSSINI – Presi a pugni per gioco senza un motivo tra la folla dei ragazzi spensierati della “movida” riminese del sabato sera. A un ventunenne hanno spaccato i denti, a un altro hanno lacerato palpebra e sopracciglio, mettendo a rischio l’occhio. Una violenza brutale e insensata esercitata da un gruppetto di adolescenti ubriachi, domiciliati nel campo nomadi, che fino all’arrivo della polizia sono stati liberi di scorrazzare dalle 23 alle 2 di notte da un lato all’altro della centralissima piazza Cavour. Si badi bene: non in una periferia degradata, ma sotto le finestre degli uffici comunali. Non è neanche la prima volta, ci si augura sempre che sia l’ultima. “Spero che il sindaco Andrea Gnassi – è lo sfogo di Simona, madre di uno dei due ragazzi finiti all’ospedale senza un perché – colga la gravità degli eventi e intervenga senza aspettare che ci scappi il morto, aumentando la vigilanza perché questi fatti non si ripetano: è capitato ai nostri figli ma la prossima potrebbe capitare a quelli di chiunque altro. Certe persone vanno fermate e rese innocue prima che sia troppo tardi». La madre del ventunenne aggredito allarga la riflessione «alla marmaglia di ubriachi e facinorosi» che frequentano il centro storico dove la maggior parte dei cittadini va per “bere qualcosa e trascorrere piacevoli serate in compagnia. Dove devono andare i ragazzi? Dove dobbiamo andare noi?”. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy