Coronavirus, nuovo decesso a San Marino ma un solo contagiato in più

Aggiornamento del 28 marzo da parte del Gruppo per le emergenze sanitarie della Repubblica di San Marino sull’emergenza coronavirus.

A fare il punto della situazione con i media e in diretta streaming è come di consueto Gabriele Rinaldi, direttore dell’Authority sanitaria, insieme al Segretario di Stato al Turismo Federico Pedini Amati e alla Responsabile dell’Urp dell’ISS Stefania Stefanelli.

 

Nelle ultime 24 ore si è registrato un nuovo decesso che fa salire i decessi totali a 22.

Ma c’è anche una buona notizia: il contagio a San Marino continua a rallentare. È solo 1 il numero dei contagiati in più rispetto alla giornata scorsa. “Siamo in attesa di 25 tamponi – ha aggiunto Rinaldi – ma ci attendiamo in gran parte risultati positivi”.

In totale i guariti restano a 6. A loro vanno aggiunte le persone dimesse dall’ospedale per andare in isolamento nella propria abitazione che in totale sono 78. “Molti di loro non hanno più sintomi – ha spiegato Rinaldi – ma non li consideriamo guariti finché non hanno due tamponi negativi in 24/48 ore”.

I contagiati totali a San Marino restano quindi 196.

Di questi 64 sono ricoverati all’Ospedale di San Marino, nel dettaglio 16 tra terapia intensiva e subintesiva e 48 nelle degenze di isolamento predisposte in vari spazi con sintomi moderati. 132 invece sono in isolamento sul territorio.  

 

Le quarantene attive sono 422, di cui 398 tra i famigliari e i prossimi dei contagiati, 17 nel personale sanitario e 7 delle Forze dell’ordine. 622 sono le quarantene terminate. In totale quindi sono state gestite 1.044 quarantene.

I tamponi totali effettuati dall’inizio della crisi sono stati 509 di cui 287 positivi, 197 negativi e 25 in attesa di risposta. A proposito Rinaldi sottolinea che l’ospedale di Stato sta effettuando i test sugli anticorpi. Accanto a questo nei prossimi giorni entrerà in azione anche il test sul tampone. “Siamo in attesa del materiale necessario. Contiamo in un paio di settimane di essere pronti”.

 

Il Segretario di Stato al Turismo Federico Pedini Amati ha invitato alla prudenza: “Parto con il rivolgere le condoglianze mie e del Congresso di Stato ai cari della persona deceduta questa notte. Il dato dell’unico contagiato in più ci conforta ma non è il momento di tornare alla vita di prima. Uscire di casa resta vietato e invito tutti i cittadini a non farlo perchè il virus è ancora tra noi e l’unico modo per sconfiggerlo è restare isolati”.

 

 

digià

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy