San Marino. Anis pretende riforme per il post coronavirus

Gli industriali chiedono riforme per il post Covid-19

“Al lavoro per contenere i contagi senza bloccare completamente il Paese. Serve unità a tutti i livelli, perché occorre pensare e prepararci già oggi al dopo emergenza”. È quanto detto dall’Associazione nazionale industria San Marino, che in una nota sottolinea di essere impegnata a tutti i livelli, a causa del diffondersi del coronavirus sul Titano, “sia per quanto riguarda il continuo confronto con il governo e le altre parti sociali sul bilanciamento dei provvedimenti più opportuni, sia per quanto riguarda l’operatività delle imprese associate a cui, quotidianamente, abbiamo fornito le informazioni e spiegazioni necessarie”. L’obiettivo comune, aggiungono gli industriali sammarinesi, “era ed è contenere il contagio, ma al tempo stesso, garantendo tutte le misure di sicurezza, è altrettanto fondamentale evitare di bloccare completamente l’economia del Paese perché l’emergenza finirà e occorre pensare fin da subito a quel momento, a come ci arriveremo e a come ripartiremo”. Di fronte alla situazione di emergenza presente sul territorio sammarinese e in altri Paesi nel mondo, sottolinea l’Anis, “emerge ancora più forte l’esigenza di essere uniti e crediamo fermamente che sia questo l’approccio solido e costruttivo da condividere tra governo, parti politiche, economiche e sociali: pur consapevoli delle urgenze attuali e dedicati alla loro risoluzione, non possiamo permetterci di dimenticare quanto il nostro Paese necessitasse di riforme strutturali anche prima della pandemia”. (…)

Articolo tratto da La Serenissima

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy