San Marino. Libera, “Affrontare tre emergenze: sanitaria, economica e democratica”

Conferenza stampa di Libera che parla di “tre emergenze da affrontare: sanitaria, economica e democratica”.

Così Giuseppe Maria Morganti: “I solleciti di Libera sono stati ascoltati ma serve essere più tempestivi. Fondamentali le analisi epidemiologiche. Perché continuano i contagi? Perché non abbiamo una analisi a tappeto o almeno estesa ai settori più critici come gli anziani, gli operatori sanitari o i lavoratori che ancora lavorano. Se non usciamo da questa logica, rischiamo di arrivar tardi e non poter ripartire. Ben venga quindi il cambio di strategia annunciato con lo screening a tutto il Paese valuteremo i tempi e le modalità.
La nostra sanità ha dato delle risposte importanti. Serve però una analisi epidemiologica più ampia: è questa la nostra proposta”.

Per Vladimiro Selva invece ”noi come Libera, per primi, abbiamo proposto di chiudere tutto salvo l’essenziale e i risultati si sono visti, anzi forse dovevamo farlo prima. Ora parte la fase di convivenza con il virus. La politica deve progettare il post Coronavirus: serve una mappatura delle casistiche (sapere che chi entra in una fabbrica o in un luogo del lavoro non sia positivo per esempio) per poter riniziare a vivere e tornare, gradualmente, alla normalità.
L’altro tema è il sostegno economico. Dobbiamo avere però informazioni: sul bilancio dello Stato, liquidità, dati e analisi. Non possiamo solo pensare di tagliare ma serve prospettiva per evitare il degrado totale economico, noi abbiamo idee. Per questo chiediamo ascolto e confronto.”

Matteo Ciacci dal canto suo invece sottolinea: ”In questo momento nessun Governo, di nessun Paese al mondo, può farcela da solo perché serve una forza economica, fiscale e politica rilevante per mettere in campo misure massicce, noi crediamo immediate, per il sistema. Con le manovre adottate in Italia è urgente capire come il nostro Governo si sta muovendo per trovare liquidità altrimenti c’è rischio desertificazione economica per i nostri 5000 operatori economici e emergenza per le persone più in difficoltà. In questo momento, in attesa di ricercare nuova liquidità per il nostro Paese in forme ben strutturate e in maniera concertata e trasparente, potrebbe essere smobilizzata immediatamente parte dei titoli che Banca Centrale detiene nel suo portafoglio investimenti, nei limiti della sua disponibilità, salvaguardando le sue funzioni tipiche.
Emergenza democratica: subito convocazione del CGG e dell’unità di crisi per scrivere anche un progetto che possa diventare un’opportunità per il nostro tessuto economico: incremento del digitale, flessibilità, sostenibilità, nuovi lavori.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy